Cosa è il Surround? Ecco la risposta di iSpenk

Tutto quello che avreste voluto sapere sui sitemi audio, ma che non avete mai avuto il coraggio di chiedere

Vi siete mai chiesti cosa è il Surround?

“To surround” in inglese significa “circondare”, infatti con questo tipo di sistema l’ascoltatore è realmente circondato dai diffusori, a differenza del più semplice stereo, con il quale si ottiene una direzione frontale del suono.

Il Surround nasce per soddisfare le esigenze cinematografiche, rendendo i film sempre più coinvolgenti sotto il profilo dell’esperienza sonora. Molte persone pensano che il surround sia l’evoluzione dello stereo, come lo Stereo lo é stato per il Mono, ma non c’è idea più sbagliata di questa.

Surround 7.1
Esempio DTS 7.1 S.H.

Ogni modalità di ascolto deriva da una specifica esigenza, per questo ancora oggi il mono é utilizzato negli ambienti dove é importante che non ci sia l’aspetto panoramico del contenuto (ad esempio le diffusioni sonore nei centri commerciali, oppure negli stadi o nelle chiese). Con aspetto panoramico si intende il fatto che ognuno dei due o più canali abbiano dei segnali diversi fra loro per creare, appunto, la sensazione di panoramicità, ovvero di collocamento nello spazio. Avere due o più segnali nel caso di un centro commerciale, ad esempio, sarebbe controproducente, perché in base al reparto dove un cliente si dovesse trovare, sentirebbe solo una parte degli strumenti.

Per ascoltare un cd o un vinile é importante utilizzare lo stereo, dato che l’obiettivo di chi produce musica é quello di riprodurre l’atmosfera di un palco con una band o un’orchestra che suona di fronte allo spettatore. L’aspetto panoramico, quindi, deve essere assolutamente frontale. La cosa cambia se la musica é accompagnata da un video, dove invece é più coinvolgente il surround, come ad esempio nel caso di concerti live, dove sul frontale abbiamo il palco e la performance dei musicisti, mentre sul posteriore avremo il pubblico; in questo modo, l’ascoltatore si sente immerso nell’ambiente del concerto.

Disposizione casse stereo
Disposizione casse stereo

Insomma, il Surround non é sempre migliore dello Stereo, perché dipende dal tipo di esigenza.

Come é fatto il Surround?
Se pensate di mettere cinque casse intorno a voi, facendole suonare tutte contemporaneamente, sempre, ed ottenere così un effetto surround… Beh, vi siete sbagliati. Avere cinque diffusori non significa necessariamente ottenere un effetto surround, perché i cinque canali devono riprodurre il più fedelmente possibile la realtà fisica. Ad esempio, il canale centrale é di solito dedicato al dialogo in primo piano o, comunque, principale nella scena; i canali sinistro e destro (main) sono stereo e, principalmente coinvolgono la colonna sonora e sono deputati a riprodurre effetti panoramici per gli spostamenti degli attori o degli oggetti sulla scena; le casse posteriori (il cosiddetto surround), invece, sono dedicate all’effetto etica o al movimento dei personaggi e delle cose dal retro al fronte.
Ai primordi del surround, la posizione simmetrica delle cinque casse era imprendiscindibile, mentre oggi esistono dei sistemi di auto-taratura, capaci di correggere eventuali sfasature e posizionamenti errati.

Per ottenere un ottimo Surround, si dovrebbero utilizzare diffusori full range (subwoofer escluso, ovviamente), in modo tale che ogni canale possa emettere la gamma completa di ogni suono, senza l’ausilio del subwoofer.

DiffusoriDynavoice Definition DM-6
Definition DM-6

Il subwoofer in un vero sistema Surround (non quelli da 200 euro tutto incluso, per intenderci) e dotato di diffusori ottimali, si attiva soltanto per riprodurre gli LFE (Low Frequency Effects), cioè gli effetti sonori tipo: un terremoto, l’atterraggio di un elicottero, un’esplosione, ecc.  Tutti i sistemi più economici, per risparmiare, utilizzano dei diffusori di piccole dimensioni incapaci di emettere le frequenze basse, lasciando al subwoofer il compito di riprodurle.

Subwoofer Dynavoice Definition SW-10
Definition sw-10

Fino adesso abbiamo parlato dei diffusori, ma un sistema surround non è niente senza una buona amplificazione!

I nuovi amplificatori surround, nella grande maggioranza dei casi, sono dotati di sintonizzatore radio, per questo sono chiamati sintoamplificatori. La qualità di un sintoamplificatore dipende dalla quantità e qualità di standard che riesce a gestire (DTS, Dolby Digital, Dolby Pro-Logic, 3D, 4K, ecc.), da  quanti diffusori riesce a pilotare e dalla potenza (Watt RMS) che riesce a fornire. Un esempio di qualità, con caratteristiche eccellenti e soluzioni innovative (come ad esempio l’Airplay) è il sintoamplificatore Denon AVR-X2000.

Sintoamplificatore Denon AVR-X2000
Denon Avr-x2000 visuale frontale

 

Questo sintoamplificatore è dotato di sette canali da 125W RMS l’uno, oltre all’uscita passiva per il subwoofer. Da notare i 7 ingressi HDMI e la comodissima uscita passiva per una seconda zona, utilizzabile ad esempio per sonorizzare il giardino.

Per sapere come scegliere i diffusori e l’amplificatore più adatto alle tue esigenze e  per capire come è meglio disporli nella tua stanza, continua a seguire il nostro blog.

Stay tuned

iSpenk

Turn your life on

9 pensieri su “Cosa è il Surround? Ecco la risposta di iSpenk

  1. andrea dice:

    Complimenti! chiaro e sintetico, essenziale, non conoscevo il sorround, me ne son sempre disinteressato, ora conosco qualcosa in più

  2. Simone Morganti dice:

    Grazie. Nelle prossime uscite approfondiremmo alcuni aspetti specifici dell’home Theater, come il posizionamento dei diffusori e del proiettore, i materiali da usare per insonorizzare correttamente la stanza e…molto altro.

  3. Giorgio dice:

    Davvero chiaro ed esplicativo! Ci sono cose che tipicamente ci illudiamo di conoscere ma, in realtà, ne sappiamo molto poco!

  4. Giovanni dice:

    Ciao, vorrei chiederti come collegheresti 7 coppie di casse Sonance VP42 ad un Natante SR7011.
    In pratica si tratta di un appartamento dove ne soggiorno ci sono 4 casse (2 coppie), una coppia ciascuna in camera letto e una coppia nel suo bagno riservato. Poi un’altra coppia in una seconda camera e due coppie in una grande terrazza ad “L” in particolare una per lato. Dunque sono in tutto 7 coppie di casse.
    Io pensavo di collegare le casse in configurazione 5.1 con in più due zone indipendenti. In particolare utilizzare le uscite front e surround back per le 2 coppie del soggiorno, collegare bagno + letto padronale alla zona2, e seconda camera alla zona3. Sono in dubbio su come collegare le due coppie del terrazzo e cioè se in parallelo ed utilizzare il surround laterale oppure no.
    Grazie dell’aiuto.
    Giovanni

    • Simone Morganti dice:

      Ciao Giovanni,
      scusaci per il super ritardo nella risposta, ma ci era sfuggita la notifica della tua domanda…
      Chiaramente il collegamento come lo avevi pensato non è assolutamente fattibile per mille motivi che sicuramente avrai già capito e risolto, quindi se hai altre necessità facci sapere che saremo lieti di risponderti (rapidamente).

      saluti
      Marco Bianchi Bandinelli

  5. Peppe dice:

    Ma le casse posteriori sono diverse da quelle frontali o basta collegarli correttamente al sintoamplificatore in modo corretto?

    • Simone Morganti dice:

      Ciao Peppe,

      scusa se rispondo solo ora. Le casse posteriori non è detto che siano diverse. Solitamente sono diverse, in quanto il budget viene maggiormente impiegato sulle 3 frontali. La cosa migliore, tuttavia, sarebbe avere tutte casse uguali.
      Il fatto di collegarle correttamente è SEMPRE necessario, a prescindere dal tipo di cassa.
      Se vuoi approfondire, noi siamo qui.

      Buon ascolto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

3 × quattro =